Archivio per marzo 2019

Mai Indifferenti – la mostra fotografica arriva a Nonantola

29 marzo 2019

maiindifferenti_nonantola

Sulla stessa barca

21 marzo 2019

image1

Questa terra è la tua terra
Nessuno potrà mai fermarmi mentre percorro
quella grande strada della libertà;
Nessuno potrà mai farmi tornare indietro
Questa terra è stata fatta per te e per me
Woody Guthrie

L’ANPI di Nonantola, il Comitato Anni in fuga, la Consulta del volontariato di Nonantola, il Presidio Libera Mancini Vassallo promuovono:

giovedì 28 marzo 2019, ore 20
fiaccolata cittadina a Nonantola

Partenza da Piazza Antonio Gramsci, davanti all’Abbazia di Nonantola 

Non ci sono ragioni che giustifichino la diversità di trattamento tra cittadini italiani e stranieri.

La legge sulla sicurezza:

  • Nega ai richiedenti asilo la possibilità di essere parte di una comunità.
  • Rende molto difficile l’accesso ai servizi pubblici e privati di base.
  • Solo dando alle persone la possibilità di far parte pienamente di una comunità si ha maggiore sicurezza sociale.

 

Pranzo della memoria e dell’impegno

13 marzo 2019

pranzomemoria24marzo2019

8 marzo: FESTA DELLA DONNA

7 marzo 2019

L’ANPI di Nonantola augura a tutte le donne un sereno 8 marzo, una festa che ha radici nella lotta per la dignità e l’uguaglianza che tante donne e lavoratrici hanno condotto anche a costo della propria vita.

Buon 8 marzo a tutte!

mimosa

Commemorazione dell’eccidio nazifascista di Navicello

4 marzo 2019

navicello

Domenica 10 marzo 2019, ore 10.30 a Navicello (MO)

Commemorazione dell’eccidio nazifascista compiuto nel 1945

Interverranno:

  • Lucio Ferrari – Presidente dell’ANPI provinciale di Modena
  • Alberto Borghi – Sindaco di Bomporto
  • Il Consiglio dei Ragazzi dell’Unione dei Comuni del Sorbara

Programma

  • ore 10.30 – Incontro nel piazzale antistante il monumento dei Caduti partigiani
  • ore 10.45 – Corteo e deposizione delle corone
  • ore 11.00 – Discorsi celebrativi
Ricordiamo tutti gli avvenimenti del 9 marzo 1945 quando il presidio tedesco affidò ai fascisti locali il compito di punire la popolazione delle terre del Panaro, “colpevole”, a loro giudizio, di sostenere l’attività partigiana nella zona.
Le Brigate Nere, con il sostegno dei soldati tedeschi, organizzarono un grande rastrellamento che interessò le zone di Campazzo, via Larga e Villavara: diverse case vengono incendiate e molte famiglie subirono intimidazioni di vario genere, mentre diversi partigiani furono arrestati e condotti nelle carceri di Modena.
Il 9 marzo i fascisti della Brigata Nera di Nonantola, guidata da Ascanio Boni, si recano alle carceri di Sant’Eufemia e portano a termine l’ordine di rappresaglia che è partito dai comandi tedeschi. Caricati su un automezzo, dieci uomini scelti fra gli ostaggi che sono stati catturati pochi giorni prima, vengono condotti sull’argine del Panaro a Navicello – in uno dei punti più trafficati e visibili della zona – e, dopo aver torturato alcuni dei più coinvolti nel movimento partigiano, li uccidono con diversi colpi di arma da fuoco. Tre delle vittime (Quinto Bozzali, Fabio Pellacani e l’anziano Angelo Zambelli) appartengono alla famiglia Zambelli di Bomporto.
La famiglia Zambelli partecipò attivamente alla lotta partigiana, rifiutando le requisizioni, la raccolta di armi e viveri, partecipando ad azioni di disarmo, di sabotaggio, di distruzione di armi nemiche. Il padre Angelo fu partigiano della Brigata Walter Tabacchi, i figli combattenti, le figlie staffette o fiancheggiatrici del movimento della Resistenza. Sette dei tredici membri della famiglia furono uccisi in ritorsioni nemiche: il capofamiglia Angelo, con il genero Quinto Bozzali e il nipote Fabio Pellacani furono arrestati e fucilati a Navicello il 9 marzo 1945; la moglie di Angelo, Caterina Bavieri, di Ravarino, arrestata a metà febbraio 1945, fu condotta all’Accademia Militare e torturata. Tornò a casa, ma fu assassinata il 27 marzo 1945 insieme alla figlia Iride Zambelli di Ravarino; il figlio Floriano fu ucciso in una rappresaglia con altri partigiani nella notte tra il 18 e il 19 marzo 1945; l’altro figlio Renato arrestato durante il rastrellamento del 17 febbraio, morì sotto le torture nemiche. 
A Navicello venne anche fucilato il partigiano Ivaldo Vaccari, che i suoi compagni avevano tentato di liberare nell’attacco fallito alla Caserma della Brigata nera di Nonantola.
 
Maggiori informazioni